L’e-Commerce in Italia nel 2008: una crescita con il freno a mano

E’ da poco uscita un’interessante ricerca di Casaleggio Associati sul mercato e-commerce italiano, dove si evince che, mentre in Europa l’ecommerce è diventato parte fondamentale dell’offerta al consumatore finale (n alcuni Paesi rappresenta il 6% delle vendite al dettaglio ed oltre il 20% per settori come il Turismo), in Italia una serie di fattori frena la crescita del settore, tra cui ad esempio la logistica, la scarsa connettività, ma anche gli investimenti limitati da parte delle società che hanno già una presenza fisica e che tendono a vedere Internet solo come accessorio al modello di business esistente.

Le principali società di e-commerce registrano una forte crescita e acquisiscono fatturato aggiuntivo offrendo i propri sistemi in “white label” a terzi e integrando le vendite dei negozi fisici. La competizione sul prezzo è rimasta centrale per i settori più maturi. Nella ricerca di politiche di differenziazione sul servizio, il 2007 è stato l’anno in cui sono state avviate iniziative per coinvolgere i clienti nella creazione di valore.

 

 


Un pensiero su “L’e-Commerce in Italia nel 2008: una crescita con il freno a mano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>